151.jpg

Compensazione

È solo quando lo scopo è l'intero business che puoi affermare che stai facendo la tua parte

Il principio è semplice. Esiste uno livello equilibrato di gas serra nell'atmosfera in cui il rischio di aumento della temperatura è accettabile. A questo punto, abbiamo superato quel punto di equilibrio e l'attività umana continua a emettere più di quanto il pianeta possa assorbire. Ma se compensi i gas serra emessi con azioni che riducono la stessa quantità di gas serra, il tuo bilancio dei gas serra è sotto controllo. Se compensi più di quanto ne produci, aiuti qualcuno ad avvicinarsi ad un livello di equilibrio. La compensazione non è una carta verde per continuare come prima e le emissioni effettive devono in ogni caso diminuire. E non è nemmeno una lettera di indulgenza. Ha un effetto reale.

Il nostro metodo di compensazione

Lavoriamo continuamente per ridurre la nostra impronta negativa. Ciò influisce su tutto, dai materiali da utilizzare in una scarpa al caffè che beviamo in ufficio. Ma emettiamo ancora C02 (che è ampiamente considerato il più grande colpevole della crisi del cambiamento climatico in corso) e continueremo a farlo per il prossimo futuro.

Quando abbiamo deciso di compensare la nostra C02, volevamo assicurarci che ciò fosse fatto nel modo più efficiente possibile. Abbiamo scoperto che c'è una giungla assoluta là fuori quando si tratta di compensazione di C02. Abbiamo identificato due standard chiave da perseguire per garantire che la compensazione soddisfacesse i nostri requisiti per una compensazione responsabile; questi erano CDM (Clean Development Mechanisms) delle Nazioni Unite e Gold Standard, che nasce dal WWF e da altre ONG. Un progetto di compensazione che ha una valutazione CDM e Gold Standard è accuratamente controllato/verificato e offre sia la compensazione promessa che i benefici per la società nel suo insieme (dall'istruzione al miglioramento della qualità dell'aria).

Abbiamo scelto di compensare la nostra C02 attraverso l'iniziativa delle Nazioni Unite Climate Neutral NOW. Da lì scegliamo i progetti CDM, che hanno anche il rating Gold Standard.


Calcolo delle nostre emissioni

Abbiamo rapidamente identificato cinque categorie principali come fonte delle nostre emissioni di C02: produzione dei nostri prodotti, trasporto dalla fabbrica, trasporto ai clienti, ufficio/pendolarismo e viaggi d'affari. Abbiamo iniziato con le cose facili, ovvero tutto tranne i prodotti. Da questo punto di vista, i nostri metodi di raccolta dei dati sono a ad un buon livello e stanno gradualmente diventando più sofisticati. Finora abbiamo utilizzato il calcolatore di myclimate.org per calcolare le emissioni degli uffici e il tragitto giornaliero del personale (categoria ufficio) e i viaggi di lavoro. Abbiamo utilizzato ecotransit.org per calcolare il trasporto delle merci sia dalla fabbrica che verso i clienti.

Stabilire l'impronta dei prodotti è un compito immensamente più difficile. Un singolo paio di scarpe può essere costituito da un massimo di 50 componenti diversi e almeno la stessa quantità di passaggi nel processo produttivo, in catene del valore che si estendono fino a 5 o più passaggi. Ma il fatto che sia difficile non è una scusa per non farlo, quindi man mano che la nostra metodologia si sviluppa, la condivideremo qui in modo trasparente. Ma ci vorrà un po'.


Compensazione della progressione

Per l'anno fiscale 2017/18 (che si è concluso lo scorso febbraio) abbiamo compensato i viaggi d'affari e le emissioni degli uffici. Abbiamo compensato il 110% delle emissioni calcolate ovvero 184 tonnellate di CO2 in questo progetto: https://offset.climateneutralnow.org/metro-group-energy-wwt-project-5098-

Per il 2019/20 l'ambito rimane lo stesso del 2018/19 in quanto non avremo realisticamente dati sulle emissioni realmente affidabili per la produzione in atto.

Dal 2020 in poi, il nostro impegno è di aver lavorato alla compensazione del clima nel nostro modello di core business e di compensare tutte le emissioni identificate dal business e aggiungere un altro 10% in più.

Tutto l'offset è meglio di niente. Ma quando si guarda a un marchio come il nostro, è solo quando lo scopo è l'intero business che si può affermare di fare la propria parte. La nostra migliore ipotesi a partire da gennaio 2019 è che probabilmente fino al 90% della nostra impronta di CO2 proviene dai nostri prodotti.