Sustainability-8105802.jpg

Unisciti al Movimento di Azione per il Clima

Essere un precursore comporta la responsabilità di cercare di mostrare la via

Emissioni causate 2019/20: 3830 CO2
Compensazione per il 2019/20: 7750 tonnellate di CO2e
Compensazioni totali: 44.241 tonnellate CO2e

Quando abbiamo deciso di ottenere un clima positivo alla fine dell'estate del 2018 non sapevamo davvero in cosa ci saremmo cacciati.

Da un ristretto punto di vista degli affari, Icebug era piuttosto irrazionale. Non avevamo clienti che lo chiedessero e le nostre prime stime di quanto sarebbe costato avevano un range molto vasto: tra 50 centesimi e 20 dollari per paio di scarpe. Ma da una prospettiva più ampia ed a lungo termine aveva perfettamente senso. Se ascolti la scienza, il riscaldamento globale è una delle principali minacce alla vita umana su questo pianeta.

David.jpg
DAVID EKELUND, CEO:
"Sentivamo semplicemente che non potevamo guardare da un lato e aspettare che altri gestissero l'incombente crisi climatica, soprattutto considerando la mancanza di una leadership politica globale"

Dovevamo trovare un modo per assumerci le nostre responsabilità e c'erano fondamentalmente tre domande a cui dovevamo rispondere: quali emissioni stiamo causando? Quali misure possiamo adottare per ridurre le emissioni che produciamo? Come ci prendiamo cura di ciò che resta, passando dall'avere un impatto negativo ad avere un impatto positivo?

Abbiamo deciso di impegnarci prima e di risolverlo in seguito. Fissandoci quella che credevamo fosse una linea temporale molto aggressiva: essere positivi al clima entro il 2020 e rendere impossibile non mantenere il nostro impegno scrivendolo sul retro delle scatole di tutti i nostri prodotti già nell'autunno 2019.

Si è rivelato più facile di quanto credessimo e siamo riusciti ad essere positivi al clima prima del previsto, già in sei mesi. (Per un approfondimento sulle storie dietro le quinte di come si è sviluppato, vai al blog.) Ciò non significa che possiamo promettere che la transizione verso un pianeta dove le emissioni di carbonio saranno bilanciate sarà una corsa tranquilla. Richiederà sacrificio e tanto duro lavoro.

Ci saranno anche guadagni, per gli individui, per le aziende e per la società, e l'alternativa di non fare del nostro meglio collettivamente per affrontare l'emergenza climatica è quella del rischio estremo, con le generazioni future veramente vulnerabili.

''Diventare il primo marchio di calzature outdoor positivo al clima ha significato che Icebug ha preso un'iniziativa. Ma siamo ancora solo all'inizio della corsa''

Diventare il primo marchio di calzature outdoor positivo per il clima ha significato che Icebug ha assunto un ruolo guida. Ma siamo ancora solo all'inizio della corsa. Elaborare come possiamo ridurre sufficientemente le emissioni che causiamo è una sfida continua che durerà per molto tempo.

Essere un precursore comporta anche la responsabilità di cercare di mostrare la strada. Quando siamo partiti come nuovi sul campo, abbiamo fatto molto lavoro da soli. Formulare l'impegno, tracciare la road map, imparare a misurare, fissare obiettivi e mettere in pratica le riduzioni e cercare di trovare i modi migliori per compensare. Abbiamo passato molto tempo a raccontare la nostra storia alle conferenze e attraverso il sito web, condividendo le nostre esperienze nel modo più trasparente possibile. È stato molto gratificante sapere che abbiamo ispirato molti altri. Insieme saremo molto più forti nel creare lo slancio necessario e lungo la strada abbiamo raccolto quelle che riteniamo essere le migliori iniziative, quindi ora le condividiamo insieme a ciò che abbiamo sviluppato noi stessi. Con l'intento di rimuovere gli ostacoli non necessari per gli altri che vogliono assumersi la responsabilità e unirsi al movimento globale per intraprendere un'azione per il clima.

SS20_Eli_HolisticTraining60.jpg
Impegno

L'impegno UNFCC Climate Neutral Now è una base perfetta per il tuo impegno per il clima, che tu sia un marchio, un individuo o un'organizzazione. https://unfccc.int/climate-action/climate-neutral-now

Non hai bisogno di diventare un esperto di cambiamenti climatici, devi solo seguire le migliori conoscenze disponibili che sono le scienze raccolte dall'IPCC e quindi applicarle alla tua situazione.

Come fare:

  1. Misura le tue emissioni
  2. Riduci ciò che puoi (o almeno segui le linee guida per contribuire a ridurre l'incremento di temperatura a meno di 2 gradi)
  3. ​Compensa le emissioni inevitabili
CD2A1894.jpg

La compensazione è la parte più semplice, è principalmente una questione di costi e questi sono relativamente bassi, molto inferiori a quello che dovrebbe essere un prezzo effettivo per correggere le emissioni di carbonio e guidare il cambiamento necessario. Ecco perché la compensazione ha valore solo se fa parte del pacchetto completo. La difficoltà di misurare e ridurre varia. Per gli individui, misurare è abbastanza facile. Ci sono molti calcolatori disponibili gratuitamente online che ti forniranno numeri ragionevolmente accurati e un buon senso delle proporzioni tra l'impronta di CO2 delle diverse attività. La parte difficile sarà molto probabilmente cambiare lo stile di vita se vedi che alcune delle cose che fai hanno un impatto molto elevato.

Per quei marchi che realizzano prodotti la misurazione è molto più complessa. Sono molti dati. In particolare se fai prodotti che hanno catene di approvvigionamento globali.

Ma si può fare. Icebug ne è una prova. Anche un piccolo marchio con risorse limitate nel settore delle calzature e con complesse catene di approvvigionamento globali può diventare neutrale o addirittura positivo. Siamo ancora in un processo di apprendimento per misurare con maggiore precisione l'impronta di ogni singolo modello lungo l'intera linea produttiva. Quando avremo impostato una linea di base più accurata, saremo anche in grado di stabilire quanto i cambiamenti che abbiamo fatto con le sostituzioni di materiali e processi rispetto a quelli standard abbiano già ridotto l'impronta di CO2.

Tabella di marcia

Da maggio 2020 siamo partner di supporto del Business Playbook 1,5°C, semplicemente perché è il miglior punto di partenza generale per fare il lavoro pratico che abbiamo trovato finora. Il Playbook può essere scaricato gratuitamente qui: www.exponentialbusiness.org.

Il Playbook è un progetto spin-off della Exponential Roadmap, che mette in evidenza le 36 soluzioni che possono essere usate per dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030 in tutto il mondo.

Sulla base dell'esperienza che abbiamo ora, se iniziassimo a preparare il nostro lavoro sul clima oggi, inizieremmo con questo Playbook. Non è solo per iniziare, sarà anche molto utile per lo sviluppo del nostro ulteriore lavoro. Il Playbook viene aggiornato regolarmente con il contributo dei partner di supporto e migliorerà continuamente e aggiungerà sempre strumenti utili.

Condividiamo anche i nostri umili tentativi in questo campo ''Road map to Climate Positive'' in quanto ciò può avere un valore pratico, in particolare per i marchi che sono molto simili a noi.

Obiettivi di riduzione

Lo standard per stabilire i propri obiettivi di riduzione delle emissioni in base alla migliore scienza disponibile e integrarli nella propria strategia aziendale è la Science Based Target Initiative (SBTi). Il programma SBTi è stato originariamente istituito per molte grandi aziende, ma dall'aprile 2020, SBTi ha creato un nuovo percorso per le aziende con meno di 500 dipendenti, quindi ora può essere davvero interessante per un'azienda di piccole o medie dimensioni.

In Icebug, abbiamo infatti allineato i nostri obiettivi di riduzione con ciò che dice la scienza, impegnandoci a ridurre le emissioni causate almeno del 50% entro il 2030 e poi dimezzandole ogni 10 anni per rimanere al di sotto di un aumento della temperatura di 1,5°C. Poiché questo impegno è preso sia come appartenenti ad UNFCC Climate Neutral Now che seguendo il Business Playbook di 1,5°C, abbiamo deciso di non far parte dell'SBTi poiché vediamo che ciò aggiungerebbe poco valore extra.

Il nostro prossimo obiettivo pratico di riduzione da raggiungere è avere >50% di energia rinnovabile nelle nostre fabbriche di livello 1 (livello 1 significa che sono le fabbriche che producono le nostre calzature) entro il 2022.

Compensazione

Il principio è semplice. Esiste una concentrazione equilibrato di gas serra nell'atmosfera in cui il rischio di aumento della temperatura è accettabile. A questo punto, abbiamo superato quell'equilibrio e l'attività umana continua a emettere più di quanto il pianeta possa assorbire. Ma se compensi i gas serra emessi con azioni che riducono la stessa quantità di gas serra, il tuo bilancio dei gas serra è sotto controllo. Se compensi più di quanto produci, fai parte della soluzione per avvicinarti a uno stato di equilibrio. La compensazione non è una carta verde per continuare come prima; le emissioni effettive devono diminuire. Ma non è nemmeno una lettera di indulgenza. Ha un effetto reale.

La compensazione è l'ultimo passo della catena e la maggior parte del nostro tempo e della nostra attenzione è dedicata alla misurazione e alla riduzione. Ma dobbiamo essere realistici e riconoscere che non possiamo ridurre le nostre emissioni a zero, quindi compensiamo il doppio di ciò che resta delle nostre emissioni, rendendoci così positivi per il clima.

Il protocollo GHG afferma che le compensazioni acquistate dovrebbero essere divulgate in modo che sia chiaro se sono certificate. Abbiamo scelto di acquistare compensazioni principalmente attraverso la piattaforma di compensazione del carbonio delle Nazioni Unite https://offset.climateneutralnow.org/. Quel sistema si chiama Clean Development Mechanism (CDM) e la base è che si finanziano riduzioni delle emissioni nei paesi in via di sviluppo che altrimenti non verrebbero compensate – e tutto il denaro va direttamente ai programmi di riduzione delle emissioni senza che l'ONU addebiti una commissione. Acquistando le compensazioni CDM ottieni una riduzione certificata delle emissioni (CER) e la valuta è tonnellate di equivalenti di CO2 (CO2e). Equivalenti nel senso che possono essere evitati anche altri gas serra, come il metano che è molto più forte della CO2. CDM è menzionato nel protocollo GHG come verificatore approvato delle compensazioni. Un progetto di compensazione del clima che ha una valutazione CDM è accuratamente controllato e fornisce sia la compensazione promessa sia i benefici collaterali per la società nel suo insieme (varia dall'istruzione al miglioramento della qualità dell'aria, generalmente legata agli SDG definiti da l'ONU). Nessun sistema è perfetto, quindi applichiamo alcune ulteriori restrizioni al nostro portafoglio di compensazione CDM: non acquistiamo compensazione dalla distruzione di gas industriale, né da grandi progetti idroelettrici (poiché i benefici sociali di questi sono in dubbio e ci sono altri impatti negativi sull'ambiente). Poiché ci sono stati alcuni dubbi sull'addizionalità del sistema CDM, abbiamo anche deciso di compensare almeno il 200% delle nostre emissioni effettive calcolate, per avere un margine per sostenere l'affermazione che siamo positivi per il clima.

Dei 7750 CER acquistati per il 2019/20 (l'anno di Icebug termina l'ultimo di febbraio), 7 500 provenivano da un progetto di un parco eolico nel Maharashtra, in India. Si chiama project 2342 e può essere trovato su https://cdm.unfccc.int/Projects/DB/RWTUV1229007791.61/view. Gli ultimi 250 CER provenivano dalla nostra adesione a climateneutral.org e provenivano da un progetto che cattura il gas metano dalle discariche. Per futuri acquisti compensativi intendiamo seguire le linee guida di climateneutral.org. Questi sono disponibili al pubblico da luglio 2020.

Cosa può fare una persona?

Per sfruttare al di là del modo in cui effettui la tua impronta, puoi inviare segnali del cambiamento che desideri. Un segnale è debole, ma ogni singola scelta fa la differenza. Scegliere un'opzione migliore fa la differenza. Fridays for Future ci ha mostrato come una voce può avviare un movimento.

Allo stesso modo puoi aumentare lo slancio per il cambiamento chiedendo ai marchi che ti piacciono i loro impegni. Se è qualcuno che le aziende ascoltano davvero, sono i loro clienti. Puoi fare loro le tre semplici domande, usando i social media se vuoi un amplificatore per il tuo segnale:


Che emissioni stai provocando?

Quali misure state adottando per ridurre le emissioni che provocate?

Come ti assumi la responsabilità delle emissioni inevitabili?


Sapere cosa dice la scienza è necessario per impedire che il riscaldamento (relativamente) superi gli 1,5 gradi, dimezzando le emissioni di CO2 entro il 2030. E poi di nuovo la metà ogni decennio. Se Icebug riuscirà a diventare positivo per il clima in 6 mesi, tutti gli altri possono farlo se lo desiderano, almeno entro un anno. Hai il diritto di pretenderlo dalle aziende. E richiedere un impegno ora.

Non aspettare che tutto sia perfetto per iniziare ad intraprendere un'azione per il clima
Info utili:

Per gli individui: climateneutralnow.org, goclimateneutral.org

Per le aziende:

* La roadmap di Icebug verso il clima positivo (pdf per il download).

* Metodologia (pdf da scaricare – prossimamente)

* Link al video con la presentazione dell'European Outdoor Summit?

Organizzazioni per l'azione per il clima di cui facciamo parte: www.exponentialbusiness.org, climateneutralnow.org, clipop.org, climateneutral.org, www.fossilifritt-sverige.se, klimat2030.se

Altri link utili: https://sciencebasedtargets.org/, https://quantis-suite.com/Scope-3-Evaluator/